Quello che mi piace del viaggio

Quello che mi piace del viaggio è la sensazione di possibilità che ti si spalanca davanti agli occhi e che ti porti addosso fino a casa. Quella è la sensazione che più di tutte cerco di reclamare quando sono tornata e sento il magone che serpeggia.

Andare in giro, non importa quanto lontano – anche se i chilometri possono aiutare – mi fa percepire in maniera molto più solida e concreta che non c’è un modo solo, una possibilità unica per fare le cose, che le opzioni di scelta sono infinite. Che è poi quello che cercavano di dirmi i miei genitori quando da bambina volevo fare come tutti (per esempio i buchi nelle orecchie) e la loro risposta era “E se tutti si buttano giù da un ponte?”. Ok, forse questo era fuori tema, ma comunque.

Quello che mi piace del viaggio è avere la scusa di mangiare tutto, toccare tutto, annusare, ravanare, entrare in cortili di case private, fotografare oggetti di uso comune, perché, ehi baby, è tutta saggezza che mi servirà in futuro, tutta esperienza, bagaglio culturale, non banali calorie e grassi saturi ma esperienze sensoriali a 360°.

Quello che mi piace del viaggio è che mi fa venire in mente le persone che amo e che magari in quel momento non sono con me, tipo questo le piacerebbe tantissimo, o anche, meno male che non c’era Tizia se no le veniva un infarto, guarda quella roba lì sarebbe perfetta per. Ed è anche un buon esercizio per mettere alla prova gli affetti, scremare sulla distanza, vedere quali sono le figure di carta della mia quotidianità che vengono spazzate via dalle miglia aeree e quelle che invece mi stanno in tasca, sempre presenti anche quando non ci sono.

Quello che mi piace del viaggio è la densità del tempo che varia, che si allunga, si raddensa come la migliore delle besciamelle, si intensifica. Un giorno di viaggio ne vale almeno due o tre di tran-tran casalingo. In un giorno sei familiare con le fermate della metro, in due riesci a fare la cacca nel bagno dell’albergo, in tre riconosci le facce alla reception. E mi ritrovo a pensare a cose che ho fatto l’altroieri come se fossero di una settimana fa.

Quello che mi piace del viaggio sono i dettagli, lo stupore, i maddài, guarda là. Un tombino vale come un quadro, un gatto in un vicolo è un miracolo di folklore locale, e la gente, la gente è un museo a cielo aperto, guardi tutti, inventi storie, cerchi i segni comuni, vai a caccia di denominatori. Facce, calzini, gesti casuali, telefonate in lingue ignote, piatti dei vicini di tavolo: farmi i cazzi degli altri, in viaggio, diventa un atto antropologico che mi esalta.

Quello che mi piace del viaggio è darmi spiegazioni astruse per usanze banali, inventare leggende locali che non hanno la minima attinenza con la realtà, spararmi dei film incredibili dentro la testa, chiedermi il perché delle cose e fare finta di poterlo indovinare.

Non mi piace quasi mai tornare a casa, ma poi alla fine non è tanto male. Siamo tornati di sabato sera e domenica sembrava novembre, ho proposto all’Orso di cenare con il minestrone e lui mi ha risposto “Piuttosto lecco il pavimento”. Abbiamo ripiegato su una pizza, che è un grande classico del rientro italico.

IMG_3544

Tutta ‘sta manfrina per dire che sono stata in Giappone, è stato pazzesco, e adesso siamo di nuovo qua. Con un po’ di cose da raccontare, giusto il tempo di fare mente locale e scriverle.

8 thoughts on “Quello che mi piace del viaggio

  1. daniela

    welcome home! 😀 (quel “piuttosto lecco il pavimento” mi ha sdraiato dal ridere… grande Orso!)

    Rispondi

    1. incorporella

      È un uomo che ha poche idee, ma definite! Baci grandi, spero di vederti presto in quel di Doussalà ❤️

      Rispondi

  2. oltrelautostrada

    Bhe, uno che ti risponde a bruciapelo “piuttosto lecco il pavimento ” diventa il mio idolo, subito. Complimenti per il viaggio e per il tuo meraviglioso modo di scrivere.

    Rispondi

    1. incorporella

      Del resto che Orso sarebbe se mangiasse il minestrone? Grazie per i complimenti, arrossisco e scodinzolo 🙂

      Rispondi

  3. Federica

    Giappone? Invidia solida! Ci andrò anche io un giorno non lontano, che è quasi dietro l’angolo da Sydney. E già sogno lo shopping di cazzate epocali!

    Rispondi

    1. incorporella

      Ma infatti secondo me devi metterlo in agenda ASAP. Ci sono cazzate indescrivibili che non possono attendere oltre!

      Rispondi

  4. Emy

    Se tu non ci fossi la blogosfera non sarebbe la stessa. Post meraviglioso come meravigliosa sei tu (già lo sai) ♡

    Rispondi

    1. incorporella

      Del viaggio comunque la vera esperta non sono io, mia cara! <3 tanto ammorre, sempre!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *