All the people, so many people.

Mi piacciono le persone che fanno colazione al bar da sole. Che si prendono il tempo per leggere il giornale, e scenerano distratti la brioche mangiata a metà, come se fosse una sigaretta, battendola con il dito indice, sbriciolando sul pavimento. Mi piacciono le persone che leggono in metropolitana e sul treno, cerco sempre di capire che cosa stanno leggendo, a volte anche con contorsioni imbarazzanti, ricordiamoci che sono miope,...

Once upon a house.

Quando ero bambina, abitavamo in una casa vecchia, su Corso Regina, e la mia camera dava sulla ferrovia. Dal lato del corso, passavano le macchine, e soprattutto i tram. Li guardavo arrivare e sparire nel sottopassaggio, come pesci arancioni. La casa di Corso Regina aveva finestre luminose, soffitti altissimi e vecchi parquet, sui quali correvo scalza piantandomi le spine nel piede, che poi andavano tolte con la pinzetta o l’ago...

My best Sunday dress

Le suggestioni arrivano da tutte le parti. Dalle immagini che non ti mollano, dagli articoli tipo questo, dai frammenti che raccogli per caso, parlando con le persone. Scrivi? Mi chiedono gli amici, stai scrivendo? È tanto che non posti sul blog. La verità è che io scrivo sempre, ma non sempre è necessario che qualcuno lo sappia. Anzi, c’è una cosa che mi piace tanto ultimamente, in certe sere tardi,...

Belli e dannati

C’è una cosa che devi sapere di me, perché se iniziamo a stare insieme comunque prima o poi lo scoprirai da sola, mi ha detto l’Orso tipo al secondo appuntamento. Vedi, ha continuato, io ho una maledizione, la maledizione delle file. Entro in un posto, non c’è nessuno, mi distraggo un attimo a guardare il menù o gli articoli in esposizione, mi giro e si è formata una coda chilometrica...

They’re all revved up and ready to go

  Quando avevo 16 anni sono andata a sentire i Ramones in concerto a Milano. È stato uno degli ultimi live, credo. Era il 1996. Sedici anni, per l’esattezza, dovevo ancora compierli, ma avevo già giurato a me stessa che non avrei commesso lo stesso errore fatto con i Nirvana, che non avevo visto nel febbraio del 1994, perché tanto figurati se non torneranno quando sarai più grande. Quello che...

I Nelli alle Crociate

[Questo post è sponsorizzato da Metodo Gattini. Per saperne di più, fai finta di niente e aspetta che passi] A casa mia, ci piace l’enigmistica. Da generazioni: non ricordo di aver mai vagato per casa di mia nonna Banana senza imbattermi in qualche Settimana Enigmistica o Domenica Quiz compilata da più mani diverse. Noi bambine cominciavamo con i classici: unisci i puntini, colora gli spazi, disegna i baffi a Gabriella...

[fem-mi-nì-sta]s.f.

Primo: non è una parolaccia. Si può dire. Ammettere di essere femminista, se lo si pensa, è una buona cosa. Anche se siete avvenenti e depilate e non vi va che la gente pensi che sotto la parola “femminista” si celi un agglomerato di peli ribelli. Chi lo pensa, è pazzo e anacronistico. Potete dirlo anche se siete maschi: i casi di pirilli caduti dopo aver pronunciato la tragica affermazione “Sono...