Solo bella gggente

Facevamo una riflessione seria, io e l’Orso in macchina, una sera tornando, a casa.
È una di quelle cose che mi piacciono tanto, quando siamo in macchina insieme, quella che parliamo di cose intelligenti.
Le altre cose che mi piacciono sono un po’ meno edificanti: cantargli canzoni trash nell’orecchio con l’accompagnamento di Youtube (“Grazie amore, perché adesso ho Toto Cutugno fra le ricerche effettuate“), fumare con i piedi sul cruscotto, giocare compulsivamente a Two Dots, lamentarmi perché non rallenta alle rotonde, insomma, tutti quei simpatici dettagli che cementificano il rapporto nel corso degli anni.

La riflessione seria, dicevamo.

Se ti rendi conto che tu sei la persona più interessante che conosci, o che frequenti, allora hai un problema.

Io ho passato tutta la mia vita a cercare di circondarmi di persone che fossero fighe. Più fighe di me – non che sia uno standard inarrivabile per inciso -, che sapessero cose che io non sapevo, che facessero cose che io nel migliore dei casi avevo appena sentito nominare. Quelli che “bruciano, bruciano, bruciano, come favolosi fuochi artificiali color giallo che esplodono come ragni attraverso le stelle e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti fanno Oooohhh”” (oh, lo diceva Kerouac, mica Nonna Papera), che quando parlano mi fanno venire voglia di ascoltare per sempre, il che è arduo, perché è ben noto quanto io sia logorroica.

Forse avrei dovuto aspirare ad essere la più simpa della cumpa, ma dio, che noia.

Ed è una cosa a cui sono arrivata col tempo, questo devo ammetterlo, ché gestire le frustrazioni non è proprio pane per i miei denti, e credo che mamma Scopella abbia passato i primi dieci anni della mia vita scolastica a dirmi “guarda che ci sarà sempre qualcuna più brava di te”, quando mi incazzavo perché le mie cornicette sembravano vomito di gatto a fondo pagina e la mia amica Petunia invece circondava le tabelline con riproduzioni acquerellate dei Girasoli di Van Gogh.

La cosa che mi ha salvata dalla follia totale – e anche dalle cazzo di cornicette – è stato forse accorgermi che mi piaceva di più stare con le persone più brave di me, che volevo avere amiche divertenti e brillanti, che a cantarmela da sola mi annoiavo.

Mi sono accorta che esiste un’invidia pulita, sana, che forse non si chiama invidia ma ammirazione, e che a volte sfocia in uno strano fenomeno per il quale quasi finisco col tirarmela.

Me la tiro perché le mie amiche sono fighe, hanno fatto questo, questo e quest’altro, pensa un po’ che brave. E tu? Oh, io ho guardato sette puntate di Scandal, messo mi piace ad alcuni video di canini e gattini e finito un cruciermetico con trasferimenti: non per vantarmi, ma anche io oggi ho dato il mio contributo per rendere questa terra un posto migliore.

cruciermetico
Il cruciermetico, un’arte dimenticata.

O forse la mia è una forma estrema di pigrizia: ehi, c’è la conta dei fighi, che facciamo, andiamo? Sì, tu comincia ad avviarti, che io ti raggiungo.

E poi mi attardo a leggere l’ultimo libro di Ammaniti e arrivo giusto in tempo per il buffet.

16 thoughts on “Solo bella gggente

  1. fuliggine

    TWO DOTS???? anch’ioooooo!!! È una droga, una bellissima droga! A che livello sei?

    (Ok, ora torno a leggere il resto del post, che ho prontamente interrotto quando ho letto two DOTS)

    Rispondi

    1. incorporella

      Sono al livello 364! ma anche 1010 è un infogno…

      Rispondi

      1. fuliggine

        Io 454! Battuta!
        No, altri giochi non posso provarli, altrimenti qui vengono i servizi sociali

        Rispondi

        1. incorporella

          Vabbè, allora…mi sento una schiappa.

          Rispondi

      2. Sara Ci

        zitta zitta che io mi sento una schiappa perché perdo tempo lì, mentre gioiso a ogni livello passato lì. secondo me poi dovrò vedere uno bravo..( 546! spero smettano di fare livelli nuovi e mi lascino in pace )

        Rispondi

  2. Emy

    Ohhhh ma questo post vorrei averll scritto io!!!

    Rispondi

    1. incorporella

      Fanne ciò che vuoi, baby! 😉

      Rispondi

  3. gynekiller

    a voler essere proprio sinceri, mamma Scopella e papà Nello hanno sempre (più o meno segretamente…) pensato che tu fossi il meglio del meglio del meglio e che le altre non fossero minimamente alla tua altezza.

    Rispondi

    1. incorporella

      La tipica e rinomata obiettività genitoriale!

      Rispondi

  4. Sara Ci

    Hehehe si maaaa
    Di Two Dots te a che livello sei? 😉

    Rispondi

  5. sara ci

    mi sei piaciuta, poi ho un orso anch’io. ora leggo tutto. grazie 🙂

    Rispondi

  6. Posta del cuore luglio 2017 - Gynepraio

    […] di lettura. Questo blog post spiega l’importanza di circondarsi di persone verso le quali nutriamo ammirazione o invidia […]

    Rispondi

Rispondi a emymarbis Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *