2014 nun te temo

Vorrei spezzare una lancia a favore del 2013. Che per me l’annus horribilis davvero è stato il 2012. Il 2013 è stato faticoso, ma dinamico. Mi sono mossa. Nel 2012 invece ero immobile e terrorizzata, consapevole che al primo passo che avessi fatto mi sarebbe crollato tutto sulla testa. La morale, se c’è, è che, se le cose sono destinate a crollare, che crollino. Puoi procrastinarlo ma non puoi evitarlo....

Buon anno e tante care cose alla famiglia

Posto che a me, se i maya avessero avuto ragione, non è che sarebbe dispiaciuto poi così tanto. ed è inutile che adesso dicano che in realtà il mondo finirà il 15 febbraio o quando cazzo è,  che per me tra l’altro andrebbe benissimo perchè faccio ancora in tempo a ricevere i regali di compleanno ma riesco a non pagare l’INPS che scade il 16, e invece come al solito...