Transpotting e l’amarcord.

La prima volta che ho visto Trainspotting avevo 16 anni. Siamo usciti da quel cinema che stavamo ancora trattenendo il fiato. Noi che eravamo giuovini e alternativi negli anni 90 avevamo un tropismo per le storie di droga molto più che per la droga in sé – soprattutto se si parla di eroina: avevamo ancora negli occhi gli sfracelli marcescenti dei tossici anni 80, le catenine scippate, le facce  pustolose,...

Confessioni – parziali – di una libraia impenitente

A giugno saranno 10 anni che faccio la libraia. Ci pensavo proprio ieri mentre passeggiavo nel sole verso casa. Ci pensavo proprio ieri che è uscita questa bella intervista sul blog di Matto B. Bianchi, in cui dico la mia sull’essere libraia indipendente. Ci penso tutte le mattine – e i pomeriggi – che trascorro alla Gang con Bert e mi sento privilegiata, perché non mi sembra quasi di lavorare....

Libri, rose e biciclette.

  Oggi lasciate che vi dica una cosa sul serio. Sarà che è morto Gabriel García Márquez, sarà che ricordo l’amore e la gioia per quel Cent’anni di solitudine della biblioteca letto nell’afa dei pomeriggi in Grecia e ricomprato di corsa al Banco di Via Garibaldi non appena tornata a Torino. Le piccole librerie indipendenti si supportano solo ed esclusivamente in un modo: comprandoci dei libri. (Toh, ve lo metto pure...