Tipe da stadio

Riassuntone delle puntate precedenti.

Un giorno di sole, attraverso la Rete Al Femminile creata da Gioia Gottini (che più che una donna è un miracolo della natura, ma lei richiede un post a parte), ho conosciuto Marianna. Marianna ha sempre degli orecchini spettacolari,  una testa straripante di idee, un talento naturale per coinvolgere le persone in progetti pazzeschi e di mestiere fa l’editore digitale. La sua creatura si chiama Zandegù e nel suo catalogo trovi un sacco di saggi che parlano di cose serie in maniera buffa, di cose buffe in maniera seria, fumetti e varie ed eventuali.

Un giorno parlavo con Marianna di qualcosa che (stranamente) non erano scarpe né montature supersoniche di occhiali e non chiedetemi come siamo finite a parlare delle ragazze che vanno allo stadio.  Lei per esempio allo stadio ogni tanto ci va. Io non ho nemmeno una squadra di calcio preferita, figurati andare allo stadio.

E niente, colpi di qua, colpi di là, cosa accadrà, cosa accadrà, e ho iniziato a pensare, se ti scappa pipì allo stadio? Ma le ragazze sono tifose grezze come i maschi? Ma io pensavo ci andassero solo come prova d’amore per i fidanzati. Ma secondo te una ragazza che va allo stadio si sente sopraffatta dal testosterone? Si innamora del suo vicino di curva? Si piglia botte?

In tutto questo, mi venivano in mente i racconti tragicomici di altre amiche, archiviati nelle segrete umide e buie della mia memoria caotica.

Forse solo per evitare che continuassi a subissarla di domande su queste fantomatiche tipe da stadio, Marianna mi ha detto, ma senti, ma perché non lo chiedi a loro? Cerca delle ragazze tifose, senti che cosa ti rispondono, lo scrivi e vediamo cosa esce fuori.

Quello che è venuto fuori è un reportage serio ma buffo, perché quando la cretinitè incorporella incontra l’approccio easy-going di Zandegù è subito amore.

L’ebook ha la copertina spettacolarmente rosa che potete ammirare poco più giù, e si compra da oggi cliccando qui.

Chiaramente questo post è volto alla mera autopromozione, ché se leggete questo blog magari vi piace come scrivo e magari il mio ebook potrebbe piacervi (magari, eh).

Il calcio ha anche una valenza sociale, tra l’altro: tipo io ieri sera a una cena ho fatto un figurone,  lasciando tutti basiti, citando con sicurezza la data di un playoff e ancora un po’ mi misuravano la febbre perché non se l’aspettavano. Hanno temuto fossi posseduta dallo spirito di Biscardi.

E se non ne sapete una mazza ma volete anche voi darvi un aplomb in vista dei Mondiali, leggendo questo ebook potreste trovare aneddoti interessanti che potreste sempre spacciare per vostri.

O magari spulciando il catalogo di Zandegù vi passa per le mani il libro della vostra vita, e neanche lo sapevate. E quindi, per dimostrarmi la vostra gratitudine, potete comprare il mio ebook.

Insomma, potete anche non comprarlo, se proprio volete, ma se lo fate ne sarò lieta, poi se lo leggete scrivetemi, ché mi interessa il vostro parere al riguardo, e comunque l’importante è che siate felici per me, perché io, per questa cosa bella che ho fatto, di felicità ne sto provando parecchia.

BERLINO_prove

P.S. – Un ringraziamento speciale e festante va ovviamente a tutte voi che vi siete prestate a farvi martellare di domande dalla sottoscritta! Grazie, voi sapete chi siete: siete fantastiche.

 

 

Annunci

2 pensieri su “Tipe da stadio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...